sito delle Fraternità Evangeliche

di Gerusalemme di Firenze

 

                                                                                                        PUBBLICAZIONI

in vendita a

MONASTICA

   

     Appare oggi come una priorità pregare, incontrare Dio e annunciarlo proprio in mezzo alla città degli uomini.

     Riconducendosi alle sorgenti delle prime comunità cristiane di Gerusalemme, queste pagine ci dicono come portare la città nella preghiera e la preghiera nella città, la santità nella città e la città nella santità.

     Intessuto di parole bibliche, nutrito di riferimenti patristici, impreziosito da citazioni mistiche questo Libro di vita orienta l'esistenza e traccia il cammino delle Fraternità Monastiche di Gerusalemme. Si presenta, perciò, come un testo a cui si ispirano molti di coloro che vogliono vivere "nel cuore delle città, nel cuore di Dio".

 

      Padre Pierre-Marie, già cappellano degli studenti alla Sorbona e poi eremita per due anni nell'Assekrem, nel deserto del Sahara, ha fondato nel 1975 le Fraternità Monastiche di Gerusalemme, di cui la prima ha sede nella chiesa di Saint Gervais di Parigi

(dalla copertina dell'edizione 2005 Edizioni San Paolo srl, Cinisello Balsamo MI).

 

  Il Libro di vita traccia il cammino anche delle nostre Fraternità Evangeliche di Gerusalemme, come recita la nostra preghiera d'impegno:

 

     Nelle Fraternità Evangeliche di Gerusalemme, riconoscendo il cammino spirituale del “Libro di Vita” come fondamento della mia appartenenza alla Comunione di Gerusalemme, voglio vivere nel cuore della Città, nel cuore di Dio, secondo il mio stato di vita laicale.

 

 

Edizione 2018

Breve presentazione del libro “Sulle tue mura, Gerusalemme…”

 

1- A Firenze, i fratelli e le sorelle delle Fraternità Monastiche di Gerusalemme, hanno accolto l’invito del Card. Silvano Piovanelli a vivere come “sentinelle” per la città.

Come padre nello Spirito il Cardinale ha accompagnato il loro cammino e ha meditato con loro il volto mistico della città come luogo d’incontro degli uomini e delle donne con Dio.

 

2-“Padre, dicci una parola”. Fin dai primi passi in città, Il Cardinale Silvano Piovanelli ha accompagnato le Fraternità Monastiche di Gerusalemme a Firenze, meditando con i fratelli e le sorelle sulla loro vocazione di “sentinelle” per la città. Gli insegnamenti ricevuti lungo gli anni, prima a Firenze, poi a Cercina, hanno nutrito la familiarità e reso molto concreto il cammino condiviso. Le frequenti occasioni di incontro e la gioia di vivere insieme liturgie, momenti fraterni, tempi di formazione spirituale, ha portato, nel 2003, “il nostro padre Silvano” , oltralpe, a predicare gli esercizi spirituali all’insieme dei fratelli e delle sorelle delle Fraternità Monastiche di Gerusalemme, riuniti in ritiro.

In questa pubblicazione viene offerta la versione italiana delle meditazioni che il Card. Silvano Piovanelli ha preparato per questo ritiro spirituale.

Le parole con cui ha accolto le Fraternità Monastiche di Gerusalemme a Firenze nel 1998 nella Chiesa fiorentina e alla Badia, fanno da cornice al rivelarsi del volto mistico della “città” come luogo della presenza di Dio in mezzo agli uomini e alle donne del nostro tempo.

 

3- Questa pubblicazione offre nove meditazioni del Cardinale Silvano Piovanelli su “Gerusalemme” , la “città” - simbolo dell’incontro di Dio con gli uomini e il cuore della spiritualità delle Fraternità Monastiche di Gerusalemme che vivono il loro monachesimo urbano nella prospettiva contemplativa della città come “dono” di Dio da custodire e sviluppare nella preghiera e nella vita, fianco a fianco, con gli uomini e le donne di oggi.

Nella Gerusalemme così definita non possono mancare “sentinelle” che “risveglino” la nostalgia di Dio in mezzo all’ordinario e frettoloso scorrere della vita metropolitana. A Firenze la presenza delle sorelle e dei fratelli di Gerusalemme alla Badia Fiorentina ogni giorno cerca di rendere vivo il tracciato spirituale che emerge da queste riflessioni offerte nel 2003 all’insieme delle Fraternità Monastiche di Gerusalemme riunite oltralpe in ritiro.

 

4- “Gerusalemme”: questo nome evoca il modello della città biblica e ci ricorda il valore che assume in rapporto al percorso dell’umanità verso il suo Creatore. Questa prospettiva spirituale è alla base della vita delle Fraternità Monastiche di Gerusalemme che, anche a Firenze, per volontà del Cardinale Silvano Piovanelli hanno posto la loro tenda alla Badia Fiorentina e cercano di curare un oasi di preghiera contemplativa nel bel mezzo della città per indicare a tutti, concittadini o uomini e donne di passaggio, la Presenza di Dio nella città. Queste nove meditazioni che, in origine, sono state rivolte all’insieme delle Fraternità Monastiche di Gerusalemme riunite in ritiro oltralpe, nel 2003, costituiscono un vivace campo di riflessione per tutti coloro che, nella città, cercano di cogliere il volto luminoso del Risorto che si riflette nella vita di tanti uomini e donne che, nella città, vivono, amano, pregano, lavorano, cercano di tenere alta la Parola di Vita.

 

5- “Gerusalemme”: questo nome evoca il modello della città biblica e la speranza dell'umanità peregrinante verso il suo Creatore. Nella città degli uomini che già fin d'ora è l'immagine della Gerusalemme promessa non possono mancare “sentinelle” che “risveglino” la nostalgia di Dio in mezzo all’ordinario e frettoloso scorrere della vita metropolitana. Questa prospettiva spirituale è alla base della vita delle Fraternità Monastiche di Gerusalemme che, anche in Italia, prima a Firenze, per volontà del Cardinale Silvano Piovanelli, o poi anche in altre città, hanno posto la loro tenda e cercano di curare un oasi di preghiera contemplativa nel bel mezzo della città per indicare a tutti, concittadini o uomini e donne di passaggio, la Presenza di Dio nella città. Queste meditazioni rivolte dal Cardinale alle Fraternità Monastiche di Gerusalemme in diverse occasioni costituiscono un vivace campo di riflessione per tutti coloro che, nella città, cercano di cogliere il volto luminoso del Risorto che si riflette nella vita di tanti uomini e donne che, nella città, vivono, amano, pregano, lavorano, cercano di tenere alta la Parola di Vita.